Gli studenti delle classi 3^ e 5^ Odontotecnico, dell’Istituto Felice Alderisio di Stigliano, si sono impegnati in un nuova “azione solidale”: il progetto: “Raccolta fondi per l’ acquisto di un forno per la cottura della ceramica”.

In seguito alla riuscita del progetto precedente “Protesi Sociale”, il prof. Domenico Lamagna, insegnante di laboratorio odontotecnico ha voluto coinvolgere i suoi studenti in una nuova impresa volta alla realizzazione di oggetti da vendere per raccogliere fondi necessari all’acquisto di un macchinario indispensabile per le esercitazioni di laboratorio, il forno per la ceramica.

 mercatino solidale odontotecnico

Dopo un backstage durato tutto il mese di novembre, dal 16 al 22 dicembre presso l’Odontotecnico è stato allestito un mercatino dove poter acquistare souvenir o idee regalo originali per natale. Calamite, candele, braccialetti, gessetti profumati, cuscini, portachiavi, ciascuno oggetto realizzato dalle mani attente degli alunni di 3^ e 5^ odontotecnico, con la supervisione del prof. Lamagna.

Gesso, cera, resina e silicone, i materiali impiegati per creare questi piccoli capolavori hand-made. Gli oggetti più svariati con un comun denominatore: i denti.

Una vera e propria catena di montaggio quella costituita all’odontotecnico nei giorno precedenti al 16 dicembre. Divisi per gruppi, i ragazzi hanno creato gli stampi in silicone, hanno realizzato i soggetti, si sono occupati di cottura e asciugatura, poi sono passati alla levigatura, hanno colorato e infine lucidato gli oggettini successivamente venduti al mercatino della scuola.

 gruppo di lavoro mercatino solidale odontotecnico

Un lavoro attento quello svolto dagli studenti, un banco di prova che ha permesso loro di misurarsi a 360° con il “mercato del lavoro”.

Creatività, solidarietà, precisione e dedizione sono state le armi vincenti di questo progetto, ma sono anche le armi ce si auspica diventino parte integrante delle abilità lavorative di questi futuri odontotecnici.

C’è già aria di un nuovo progetto nei corridoi dell’Odontotecnico? La scuola lascia il lettore sulle spine ma … certo è che non c’è due senza tre!